Stampa 3D: HP ci svela una grande novità.

Stampante HP Multi Jet Fusion Stampante HP Multi Jet Fusion Credit by 3dprint.com
HP presenta una grande innovazione tecnologica nell’ambito della stampa 3D, si passerebbe dalla produzione rapida di prototipi alla produzione di massa dei prodotti. Un grande passo avanti su diversi campi della stampa tridimensionale.

La stampante HP Multi Jet Fusion

L'annuncio di HP che circola da pochissime settimane e che è pronta ad entrare nel mercato della stampa 3D con una macchina industriale che è 10 volte più veloce e il 50% più conveniente rispetto alle stampanti attuali, stiamo parlando della nuova tecnologia Multi Jet Fusion. A quanto pare non ancora finalizzata, si parla della presentazione entro il 2016.
HP è una società di 112 miliardi dollari, i cui prodotti si estendono sul mercato delle imprese e dei consumatori, e può vantare ormai 30 anni di stampa 2D.Terry Wohlers, Presidente della Società di ricerche di Wohlers Associates ha detto che dopo la dimostrazione della nuova stampante HP Multi Jet Fusion, è rimasto spiazzato dalla velocità, qualità e funzionalità degli oggetti stampati ,e dai colori brillanti che produce questa stampante. "E 'meglio di quanto mi aspettassi. E' molto più veloce di qualsiasi altra cosa sul mercato," ha detto. "E 'qualcosa di gran lunga diverso da quello che è stato sviluppato prima."
Stratasys, il più grande produttore di stampanti 3D ad oggi, una società che vede regolarmente il 60% sulla crescita del fatturato anno, ha detto che l'ingresso di HP è tutt'altro che spaventoso. "Questa attività porterà più consapevolezza. La vediamo come una grande opportunità per il settore", ha detto la società.

Incredibili i dettagli della nuova MJF

Le caratteristiche

In termini tecnici, MJF è in grado di regalarci performance migliori grazie al fatto che la stampante 3D realizza prima la superficie del modello e poi procede alla stampa dei particolari, si auspica sarà in grado di adottare altri tipi di materiali (colore, ceramica e metallo) oltre a quelli termoplastici già attualmente in uso.
La stampante 3D sfrutta gli elementi di stampa a getto: un collante liquido viene depositato selettivamente per unire i materiali in polvere, poi sinterizzato , e strati su strati di materiale in polvere si fondono insieme con il calore .



La stampante funziona utilizzando una barra di stampa che si presenta come quella di una stampante 2D , ma la barra di stampa 3D ha 30.000 ugelli ed emette 350 milioni di gocce al secondo di materiali termoplastici in polvere. HP ha mostrato esempi di stampe 3D che sono stati sorprendenti nella loro complessità e durata. E’ stato costruito un componente di collegamento in una particolare catena di metallo in solo mezz'ora e nei successivi test è stato in grado di resistere ad altissime pressioni. E' stato creato un modello in miniatura di una piattaforma petrolifera dettagliato nelle linee e nei colori. La novità mai vista fino ad ora, sta nel fatto che questa nuova tecnologia di stampa 3D, Multi Jet Fusion , consentirà la produzione di oggetti in massa anzichè solo prototipazione rapida. Certo, è surreale pensare alla produzione di massa di milioni o miliardi di parti del prodotto; ma in termini di decine, centinaia o migliaia di parti sarà sicuramente possibile. Immaginate diverse stampanti Multi Jet Fusion tutte pronte a sfornare pezzi di ricambio, necessari per un aereo o automobili, diremo addio ai costi di magazzinaggio, di inventario o ai prodotti sprecati.
Per esempio, quando è necessario modificare una parte difettosa di un auto, basta sistemare la parte sul software e clicca su "stampa" di nuovo .
"Vedo questo come una tecnologia rivoluzionaria ", ha detto Pete Basiliere, Vice Presidente della Società di ricerche di Gartner. Un risparmio di costi e di tempi, che l’HP ci potrebbe regalare con la MJF, dando il via alla produzione di massa di oggetti nel mondo tridimensionale.
Read 1478 times
Go to top