Windows 10 - Torna il tasto Start - Ecco la nostra recensione

Windows 10 Windows 10
Pochi giorni fa avevamo già dato qualche anticipazione sul nuovo Windows 10 e sulle sue potenzialità, ora lo abbiamo testato per voi! Windows 10, ecco la nostra esperienza utente dopo aver provato la Technical Preview.

Ormai è quasi un mese che Microsoft ha annunciato il successore di Windows 8.1 e che ha pubblicato la Technical Preview, scaricabile gratuitamente da tutti gli interessati previa registrazione al Windows Insider Program.

Ad oggi gran parte del lavoro sul nuovo Sistema Operativo è stato portato a termine, soprattutto a livello di Kernel, e questa anteprima messa a disposizione da Microsoft serve a capire come sviluppare la nuova generazione di SO Windows.

Se ricordate, gran parte della critica su Windows 8 era focalizzata sulla separazione tra i modelli di interfaccia utente, con applicazioni desktop e Windows, e quindi sulla divisione delle applicazioni in esecuzione in contenitori separati. Con Windows 8.1, Microsoft ha iniziato a fondere i due modi di lavorare e con il nuovo Windows 10 completa l'opera mescolando le interfacce.

Il cambiamento più evidente in Windows 10 è il ritorno del Menu Start che, come indicato alla conferenza del 14 aprile scorso, è un mix tra Windows 8 e il classico menu in stile Windows 7.

Esperienza Utente

Come da istruzioni, una volta scaricato il file ISO e montato su una pennetta USB, ho installato il nuovo Sistema Operativo su una partizione appositamente creata per Windows 10.
L'installazione dura pochi minuti, e dopo aver fatto l'accesso con il mio account microsoft e trasferito tutte le applicazioni presenti sul mio Windows 8, sono stato rimandato al desktop.

La prima cosa che noto è il menu start che ora consente la visuale delle applicazioni Metro di Windows (completamente personalizzabile). Effettivamente con Windows 10 si può ora scegliere se vedere il menù delle Applicazioni Installate direttamente dallo Start o secondo lo stile di windows 8 (a tutto schermo).
Windows 10 - Menu Start
Windows 10 - Menu Start
Per scegliere la visuale preferita basta seguire questi semplicissimi passaggi:
  • Tasto destro sulla Taskbar e click su "properties";
  • Raggiungere il tab "Start Menu";
  • Mettere o togliere la spunta all'opzione "Use the Start Menu instead of the Start Screen" a seconda delle vostre preferenze;
  • Disconnettersi e riaccedere nuovamente per verificare il cambiamento.
Lavorare con il nuovo Start Menu è abbastanza facile e tutto quello che si deve fare per lanciarlo è cliccare sul logo di Windows. Come per il menu Start di Windows 7 ci si trova davanti un elenco gerarchico di applicazioni e al supporto per le "Jump List". 

Aprendo ogni applicazione, si nota una nuova serie di controlli (in alto a sinistra della finestra) che danno accesso a tutti i comandi delle App. Chiaramente questi controlli sono ancora allo stato sperimentale e per ora sono ancora troppo piccoli per essere richiamati facilmente con un singolo tocco.

La casella di ricerca ha tutte le funzionalità di Windows 8, inclusi i risultati da Bing e dallo store di Windows.

Nella taskbar è stato introdotto un altro pulsante utilissimo, il "Task View", che permette di passare rapidamente da un'applicazione ad un'altra. La stessa operazione può essere fatta usando la combinazione di tasti "Alt" + "Tab".

A prima vista noto subito come il multitasking sia stato migliorato ed ampliato: lo schermo può essere diviso in 4 parti, ovvero il doppio rispetto a Windows 8 e 8.1.
A differenza del suo predecessore, Windows 10 presenta infatti la nuova funzionalità dei quadranti "snap" che semplificano moltissimo l'esperienza utente. Infatti una volta trascinata un'app in un angolo dello schermo, il sistema riorganizza le finestre per creare una divisione verticale. 
Windows 10
Windows 10
Le nuove funzionalità di snap sono utili, ma inizialmente risultano un po' strane: ci vuole un pò di tempo per abituarsi. 

Una nuova e comodissima caratteristica di Windows 10 è la possibilità di aggiungere dei "desktop virtuali", cioè delle schermate indipendenti concepite per aumentare la produttività. Questa caratteristica risulterà molto utile alle aziende e a tutti quegli utenti che necessitano di molte finestre aperte contemporaneamente.
Per farlo basta cliccare su "task view", ovvero l’icona che sta di fianco alla lente di ricerca, e rappresentata da due finestre affiancate; una volta cliccato apparirà la scritta "Add a desktop".

Microsoft Windows 10 - Desktop VirtualeMicrosoft Windows 10 - Desktop Virtuale

A questo punto se sul desktop iniziale si hanno finestre aperte e le si vogliono separare da quella principale, magari per paura di chiuderle erroneamente, è sufficiente cliccare sul desktop con le finestre attive, cliccare con il tasto destro del mouse sulla finestra da spostare e confermare lo spostamento cliccando su "move to" e poi sul desktop desiderato.

Windows 10 - Spostare applicazioni da un desktop all'altro
Windows 10 - Spostare applicazioni da un desktop all'altro
Complessivamente Windows 10 è abbastanza semplice, ed è un chiaro segno che Microsoft sta cercando di semplificare le cose a tutti gli utenti di Windows.

La caratteristica più piccola ma geniale riscontrata in Windows 10 è l'aggiornamento che meno ci si aspetterebbe in un keynote Microsoft, ovvero relativo al prompt dei comandi, che finalmente consente di copiare ed incollare le directory con la tastiera. Questo dimostra che con Windows 10, la società è seriamente intenzionata a revisionare completamente il proprio concetto di Sistema Operativo.

Nei prossimi mesi, in previsione della commercializzazione, sono previsti aggiornamenti regolari e tutti ci aspettiamo di vedere qualche cambiamento inaspettato e rivoluzionario.
Read 8276 times
Go to top