Problemi di spazio di archiviazione? Facebook Lite fa al caso vostro!

Facebook Lite Facebook Lite
Lo sappiamo, Facebook è super attivo e ogni giorno ci stupisce con nuovi strumenti e nuove app. L'ultima nata in casa Zuckerberg è Facebook Lite, una versione "small" dell'applicazione android Facebook. Vediamo come funziona Facebook Lite.

I problemi di memoria insufficiente su dispositivi mobili, nascono dalle grandi dimensioni delle app e Facebook ne è un'esempio lampante: l'app di Facebook per android supera di molto i 100 MB che aumentano in maniera importante se si considerano i MB da dover, per forza, utilizzare per scaricare e gestire Facebook Messenger. Insomma, le dimensioni di queste app stanno diventando un problema, sopratutto in dispositivi un pò datati e con memoria interna scarsa. Per far fronte a questo limite (ma non solo), Facebook ha rilasciato una versione "leggera" di Facebook per android dal nome Facebook Lite.

I perché di Facebook Lite

I motivi della decisione di rilasciare una versione lite di Facebook sono principalmente due:

- Andare incontro agli utenti che lamentano problemi di spazio di archiviazione nel proprio dispositivo;
- Rendere più agevole e facile l'accesso a Facebook anche agli utenti dei mercati emergenti;

E', in effetti, il secondo punto che davvero interessa a Facebook. Infatti, un'applicazione cosi leggera permette anche agli utenti con connessioni rurali o molto lente di poter consultare il social network senza particolari affanni. Inoltre, paesi come Bangladesh, Nepal, Nigeria, Sud Africa, Sudan, Sri Lanka, Vietnam e Zimbabwe stanno, già da tempo, testando la nuova app di Facebook.

In realtà, per ora il feedback è piuttosto negativo ma vista la possibilità di sfruttare questo strumento anche in Italia, magari quando si è in situazioni di scarsa connettività (o poco spazio nel dispositivo), vale la pena provare. In realtà l'applicazione di Facebook Lite non è compatibile con il Play store italiano ma c'è un modo per testarlo. Ecco come!

Come funziona Facebook Lite

Per provare la versione lite di Facebook basterà scaricare l'apposito apk da questo link (e avere attiva l'impostazione "sorgenti sconosciute" dal menù sicurezza).
Scaricata l'applicazione di Facebook Lite, si nota subito un'indubbio vantaggio (anche per gli utenti che posseggono uno smartphone di ultima generazione): l'app Facebook Lite pesa solo 1 MB!

Per ottenere questa leggerezza si deve, sicuramente, scendere a compromessi: infatti, l'app funziona tramite WebVeiw (la visione dei contenuti del browser android) ottimizzata, però, per smartphone. Ovviamente, con questo escamotage, la grafica risulta un pò più scattosa e anche le prestazioni sono leggermente più basse. Andiamo nel dettaglio:

Facebook Lite: la prova di Technologicalminds

Dopo aver effettuato il login di Facebook Lite, ecco il risultato:

La grafica è tutt'altro che spettacolare: i bordi non sono allineati al display, le immagini e i testi sono leggermente sformattate. Nella parte superiore, le notifiche si evincono tramite pixelati quadrati colorati (molto anni 90).
Per pubblicare un post basterà cliccare sul pulsante "pubblica un'aggiornamento di stato" qui si potrà inserire un testo, un'immagine, taggare un'amico, aggiungere la posizione o lo stato d'animo (insomma non manca nulla). Anche le foto si possono subito condividere tranquillamente su Facebook tramite l'apposito pulsante in basso a destra.
Infine, le ombre dei box sono ridotte al minimo. Utili le notifiche in push (anche dei messaggi) che rendono praticamente inutile anche l'utilizzo di Facebook Messenger. Stiamo parlando di una versione praticamente creata solo in HTML quindi il risultato è più che soddisfacente.


Insomma, in definitiva, stiamo parlando di uno strumento di emergenza o per chi vuole a tutti i costi utilizzare Facebook anche con copertura di rete scarsa, o per chi ha problemi di spazio nel dispositivo. Per le alte cariche di Facebook, invece, Facebook Lite è un'importante tentativo di rivoluzionare la consultazione del famoso social network anche nei paesi emergenti, dove la connessione internet è arretrata o gli smartphone in circolazione sono di scarsa prestanza.

Read 1828 times
Go to top