Applicazioni Google per mobile divise per categoria

Applicazioni Google per mobile divise per categoria
Sono davvero tante, tutte brandizzate Google: alcune geniali altre poco utilizzate. Ecco le app di Google.

Vista l'incredibile varietà e complessità di tutto l'ecosistema Google, ho deciso di dividere la guida in due post separati e, forse anche altri focus di approfondimento. Oggi parleremo in particolare dei servizi google per mobile ossia le applicazioni android di Google

Le basi di Google: Android, Gmail e Google Plus

Android

Google ha ideato un proprio sistema operativo open source per dispositivi mobili, l'ormai celeberrimo Android. Non ci soffermiamo sul robottino verde percè ormai ne sappiamo davvero tanto (ecco la guida alle versioni di android per rinfrescarci la memoria), ma vista la complessità di questo aspetto andiamo veloci: attorno a questo sub-brand ruotano decine di brevetti e di applicazioni, nonchè, ovviamente, le versioni per mobile dei servizi di Google. Vediamoli tutti.
 
La funzione  base di Android è sicuramente Gmail. Infatti per accede ai servizi di android sarà necessario creare un'account Gmail

Gmail

E' il servizio di posta di proprietà di Google e si distingue dalla concorrenza in personalizzazione (sfondi e etichette) nonchè per funzioni innovative come la catalogazione della posta (social, promozioni, aggiornamenti) e un potente anti-spam. Gmail esiste ovviamente sia per desktop che per mobile. L'integrazione con il touch screen, come molte app che vedremo oggi, prevede il menù a swipe a sinistra e le gestures per eliminare e/o archiviare le conversazioni. Gmail utilizza anche gli hangouts.

Hangout

E' una app di android di cui abbiamo già parlato: diciamo che è una app multi-funzione. È un client di messaggistica, ma genera i così detti hangouts. Sono in pratica delle video-discussioni da utilizzare su Google Plus. Solo nella versione desktop si avrà questa funzione presente direttamente su Gmail e Google Plus, in quella mobile invece prende la forma di app e, come detto svolge anche la funzione di client di messaggistica. Da pochi aggiornamenti l'applicazione di Haungout ha subito un restyling grafico introducendo anche Google Voice il servizio di Big G per le chiamate (con tanto di tastierino dedicato Hangout dialer).

Google Plus

Tornando ad Android, anche Google Plus diventa parte integrante del sistema operativo di Google. Come per Gmail anche Google Plus deve per forza essere utilizzato dall'utente android. È notizia di pochi giorni fa che finalmente Google Plus non sarà più collegato in modo inscindibile con Gmail ma sarà comunque installato di default sui dispositivi Android.
Ne abbiamo già parlato, Google Plus è il social network di Google e si distingue dagli altri per le community e la compenetrazione con hangouts e con le infografiche. Di recente, come visto nel post dedicato, ha abbracciato il material design di Android L (in modo completo in Google Plus versione 4.6). Infine una nota va sicuramente fatta per una app uscita da pochi mesi sul Play Store: Google My business. My business è l'equivalente di Gestione delle pagine di Facebook. Infatti questa applicazione è dedicata alla gestione delle pagine aziendali di Google Plus con il monitoraggio di statistiche e percentuali di tutti i dati sensibili (dai +1 agli accessi). Un servizio completo che rende ancor più business Google Plus.


Ora parliamo di una grande categoria di app android brandizzate Google: I servizi Play di Google.

Servizi Play: tutto il mondo Mobile di Google

I servizi denominati play sono tutte quelle app di proprietà di Google che prevedono il suffisso play e sono: Google Play store, Google play music, Google play book, Google play service, Google play movie, Google play games e Google play edicola.

Google Play store

Il servizio per eccellenza di google su android è ovviamente il Google Play store. Nasce con il nome di android Market ma poi si evolve distinguendosi dall'apple store. Il 28 agosto 2008 fu annunciato per essere poi commercializzato il 22 ottobre 2008. Il 6 marzo del 2012 invece, l'android market è divenuto Play store.
È l'applicazione android che permette il download delle applicazioni che a loro volta sono catalogate per tipologia. Un vero e proprio negozio virtuale dove si possono acquistare app, musica, video e libri (tutto virtuale ovviamente). Negli ultimi mesi si è arricchito delle prime app per android wear. Infine il Play store è sempre tra le prime applicazioni a rinnovare la grafica inserendo elementi del famoso material design di android L. Nell'ultima versione abbraccia proprio l'idea dell'ultima release di Android basando tutto sulla grande immagine di "copertina" di una determinata app (un pò come facebook) con la possibilità di vederne le informazioni espandendo la sezione dedicata solo con uno swipe e potendo consultare informazioni utili sullo sviluppatore. A luglio 2014 si è sfondata quota di 1000000 di app disponibili e ben 50 miliardi di download. 

Google play music

E' il servizio di musica in streaming di Google e nasce il 16 Novembre 2011 dopo essere stato presentato all'I/O del 2010. Anche il Play Music si sta avvicinando ad android L ma attualmente Google punta molto al servizio a pagamento Google Play Music Unlimited (o all access). Questo servizio prevede il download di musica e la visione in streaming dei video (con recupero anche off line). 

Google play book

E' il servizio di e-booking di Google. Si possono comprare e consultare i libri comodamente dall'app. Ha da poco superato i 5 milioni di titoli disponibili. Il 15 maggio 2013 ha inoltre introdotto il supporto al formato PDF. Il play Book è attualmente disponibile in ben 57 paesi. Solo dal 08/05/2012 in Italia.

Google play movie

E' il servizio di noleggio ed acquisto di serie tv e film di Google nato il 6 marzo insieme al Google Play. L'accoppiata serie tv e film è presente solo in USA, mentre in Italia (dal 12/11/2013) e tutti gli altri paesi è disponibile solo il servizio parziale. 

Google play games

Nato al Google I/O del 16 maggio 2013 e rilasciato il 24 luglio 2013, è il servizio dedicato ai giochi. Una piattaforma di gaming multiplayer di Google, con giochi catalogati per tipologia e utilizzo e con possibilità di interagire con la comunità tramite chat. 

Google play edicola

Nasce il 28 giugno del 2012 con il servizio Google Play Magazines (solo negli USA) poi dal 20 novembre 2013 viene lanciata in Italia con il nome di Google Play edicola ma era possibile leggere solo blog e feed rss. Finalmente, il 9 aprile 2014 anche in Italia è possibile usufruirne in modo completo. Google Play Edicola nasce dalla fusione di Google Current e Google Play magazines ed è il servizio di Google per abbonarsi a qualunque rivista e quotidiano. Da poche settimane anche edicola si è aggiornata al material design con animazioni iniziali davvero belle e con il classico stile minimal impareggiabile. 

Google play services

E' uno strumento per sviluppatori che da la possibilità di modificare un kit completo di sviluppo software (SDK) ed è l'interfaccia di programmazzione delle applicazioni (API). Questo strumento non si aggiorna come le altre app ma lo fa in modo silenzionso ed automatico senza che un'utente poco esperto possa accorgersene. 

Google per il business (presentazione fogli e documenti) e Google I/O 2014

Le app che si inseriscono nella categoria business sono principalmente tre: Google Documenti, Google Fogli e Google Presentazioni. Tutte e tre le app sono in stile material design con il classico bottone rotondo in basso a destra. Tutte e tre si intersecano con Google drive per effettuare condivisioni di documenti di diverse dimensioni e tipologia. Infatti Google Documenti sarebbe l'alter ego di Word (per i documenti di testo), Google Presentazione l'alter-ego di PowerPoint (diapositive) e Google Fogli l'alter-ego di Excel (per i tabulati). Tutte e tre le app e Drive sono replicabili su desktop. Il business a portata di android. 
Un'altra app by Google creata per dispositivi mobili ma che è disponibile anche per desktop e che ruota intorno al business ma è utilizzato anche dai classici utenti è Google Keep. Il to-do-list di Google che sfida Everynote ed ha annientato springpad. Google Keep simula la classica lavagna con i "post it" dando la possibilità di creare colorate e veloci note (con la possibilità di spostarle con un gesto e scattare foto di testi estrapolando il testo stesso). Unica pecca la mancanza di un pulsante di home nel widget dedicato.

Si parla tanto di Material design con l'avvento di Android L. Ed ecco tre app dedicate all'evento che ne ha dato i natali:

Google I/O 2014

E' l'applicazione dedicata alla convention di Google che ha dato i natali ad Android L. La particolarità di questa app, che è una sorta di diario per seguire tutte le novità della convention, è la grafica, probabilmente la prima app a sfruttare la nuova idea di app di Android L.

Cardboard

Lo stesso giorno della convention di Android L al Google I/O 2014, nasce anche Cardboard una sorta di guida interattiva per creare un proprio visore multimediale di realtà aumentata (ci cartone). Per scaricare l'app dobbiamo però prosciugare piu di 70 mb!. E' comunque un' app divertente ed ecologica. 

Google ovunque: launcher, browser e tanto altro

In un dispositivo android tutto è Goolge: dal browser proprietario al launcher fino alla condivisione senza fili passando per la fotocamera.

Avvio applicazioni Google

E' il famoso launcher in stile Kitkat. Una scheda dedicata solo a Google now, velocità di esecuzione davvero importante, grafica minimalista. Con questa app (quasi) tutti i device android possono provare l'esperienza utente di Kitkat. La personalizzazione è scarsa (nulla a che vedere con MoboLive).

Cloud print

L'applicazione utile per stampare file e gestire le code di stampa e le stampanti anche in remoto.

Google finance

E' lo strumento di gestione e monitoraggio dei dati finanziari. Oltre a monitorare tutti i dati in tempo reale, sarà possibile creare nuovi "Ticker" e leggere le principali notizie di finanza mondiale.

Chrome

Una delle più importanti app di Google è il browser di Big G. Chrome è nato per desktop ed è davvero ben riuscito; su molti modelli è ormai il browser stock. Sono famose, ed imitate le transizioni tridimensionali tra scheda e scheda.Tra i vari plug in e modalità di condivisione collegati a questa app c'è Chrome remote desktop.  Questa app da la possibilità all'utente di accede al proprio pc direttamente da remoto (dal dispositivo android). Basterà configurare l'applicazione e settare le medesime impostazioni sul pc. Chrome infine sta abbracciando il Material design e sta invece abbandonando la pagina 404 di errore che presto verrà rimpiazzata da contenuti definiti più "fruibili". Un'altra definizione che nasce dal mondo Chrome è Chromebook ossia i preferiti di Chrome. 

Dal mondo Chrome nasce anche Chromecast.

Chromecast

Questa nuova app dedicata è il pannello di controllo di Chromecast per gestire la condivisione dei contenuti e il mirroring dello schermo. Dall'app dedicata è inoltre possibile aprire anche la sezione del play store con tutte le app ottimizzate per Chromecast.

Fotocamera Google

Questa fotocamera è scaricabile dai device che montano Kitkat e restituisce l'ottimizzazione e l'interfaccia dei dispositivi nexus. Tra i plus più importanti troviamo l'HDR integrato e la possibilità di realizzare i photosphere (un brevetto google che permette la realizzazione di fotografie a 360 gradi). 

Google per i blogger, YouTube e Maps

Nella categoria Blogger, vanno inseriti sicuramente Google Adsense, Google Adwords e Google Analytics. Tutti e tre gli strumenti sono disponibili anche per desktop e a parte l'interfaccia mobile, non differiscono per caratteristiche è funzioni dalla versione desktop.

YouTube

Ne parleremo nel post delle acquisizioni di Google, ma inizio con il sottolineare la nuova funzionalità dell'app android davvero innovativa: il floating pop-up di YouTube. La grande innovazione che rende unica l'app android di YouTube rispetto alla classica versione desktop è una sorta di mini lettore video galleggiante in basso a destra. Basterà aprire il video e, quando so vorrà consultare un'altro file multimendiale basterà attivare il Floating pop-up di YouTube. Questa funzione è lanciabile tramite swipe dall'alto verso il basso o con il pulsante sof-key return. Quando si effettua questa operazione il video si miniaturizzerà in basso a destra con la possibilità di continuare a vederlo. Mentre si continua a vedere il video miniaturizzato si potranno comodamente consultare altri video.

Maps

E' la famosissima app di navigazione e cartografia firmata Google. Qui analizziamo rapidamente le novità della versione mobile. Da poco sono presenti le mappe off line utili per le situazioni di scarsa copertura internet e GPS, inoltre come quasi tutte le app, prevede il menù a swipe sulla sinistra. Da molto tempo ormai è possibile anche scendere a livello più dettagliato possibile della mappa con la ricostruzione 3D di street veiw. Collegata a Google Maps, ecco anche Google Heart. Sono famose le ricostruzioni in 3D delle principali attrazioni mondiali e la possibilità concreta di scoprire il mondo attraverso un'app. Su Google Heart c'è tutto, persino casa propria!. Una nota va fatta per Le mie mappe di Google. Le mie mappe, è un plug in dedicato di Google maps che racchiude tutte le proprie mappe salvate. Sarà possibile crearne di nuove, visualizzare le mappe già in proprio possesso ed esplorarle. E' una vera è propria app scaricabile dal Play store ma è ovviamente collegata a Google Maps

I classici e il nuovo che avanza: Calendar, Translate e Ok Google

Calendar

Google Calendar è l'app di Google per essere sempre aggiornati sui propri  impegni: un calendario multimediale che integra oltre alle note aggiunte dagli utenti anche i compleanni e gli impegni derivanti dai social network.

Google traslate

Translate ha anche un'app per Android che in sostanza ha le medesime funzioni della versione desktop: la traduzione in tempo reale.

Sintesi vocale e ok Google

Negli ultimi mesi se ne è parlato tantissimo. Ok Google è arrivato in Italia e ha rivoluzionato il modo di interfacciarsi con un dispositivo android. Infatti la ricerca vocale accessibile con la frase ok Google rende finalmente utile il search di Google (soppiantato dal search interno di altri browser o quello di default di Google). Con ok Google (attivabile grazie alla sintesi vocale di Google) il search (che si è anche rinnovato graficamente) è finalmente divenuta un'app davvero utile. Google ha fatto di tutto per farla utilizzare più possibile innovando continuamente la grafica e le funzionalità (basti pensare a Google Now). Nei dispositivi Nexus e Kitkat (ma facilmente importabile su praticamente tutti i dispositivi Android) compariva anche una home persistente di Google Now con tutte le informazioni in tempo reale filtrate per zona. 

Strumenti di Google

Gli strumenti di Google sono quelle app che rendono possibile la gestione dei propri dispositivi ed account.

Impostazioni Google

E' un'app che gestisce tutti gli accessi che Google fa con un determinato account. Da qui sarà possibile disabilitare la geo localizzazione, Google Now e ok Google.

Google gestione dispositivi:

E' il modo più sicuro e più facile per localizzare il proprio dispositivo android tramite GPS. Fantastica la possibilità di far squillare il proprio dispositivo a distanza solo con un click. Per funzionare necessita delle credenziali Google indispensabili per reperire informazioni sui propri dispositivi Android.

Google Autenthicator

E' un'utile app di Google che rende più sicuro il proprio account Gmail con la possibilità di inserire un codice di sicurezza in due passaggi. Con questa app sarà praticamente impossibile violare un'account.

Talkback

E' un servizio preinstallato nella maggior parte dei dispositivi mobili di Google e consiste nella facilitazione da parte degli utenti non vedenti e non udenti rispetto a tutti i servizi di Google. Questa app genera feedback vocali e sonori nonchè vibrazioni ben precise che rendono il mondo Google accessibile a tutti. 

Google Enterprise Mobile Admin:

Questa app è utilizzabile sono dai super utenti: gli utenti definiti super amministratori. Questi privilegi sono raggiungibili solo se si utilizzano degli account specifici come Google apps for business, Istruzione o Governo. Questa app rende facilitata la gestione degli utenti, dei gruppi e delle password di questi account. Una app simile che completa la gestione di questi particolari account e ne garantisce la sicurezza è Google Device policy

App minori e tools curiosi

Nel play store sono presenti anche altre app meno note e meno utilizzate vediamole tutte:

Androidify

Un divertente tool di Google per personalizzare il proprio robottino verde con vestiti ed accessori. Uno sfizio? No, una mossa di marketing ben pianificata per fidelizzare il brand.

Sound search for Google:

Questa app nativa per mobile android è la soluzione di Google al riconoscimento musicale e si mette in aperto conflitto con Shazam.

Google googles:

Un'applicazione che esiste ormai da molti anni sul play store ma che è ancora un po' un'oggetto misterioso. Una sorta di riconoscimento degli oggetti tramite lo scanner della fotocamera. Nulla di definito, funziona non benissimo e i risultati non sono veritieri.

Google Opinion Rewars:

Una sorta di piattaforma per conoscere i feedback degli utenti Google che sono spinti a utilizzare questo strumento in cambio di crediti gratis per il play store (attraverso Google wallet di cui parleremo). Il caricamento è molto lento.

Google gestures search

Interessante app di Google per ottenere i risultati di ricerca delle rubrica e delle app tramite gestures disegnabili sullo schermo.

Google Fiber

Una app di Google dedicata alla visone dei contenuti on demand (film e serie tv). Ovviamente, come Sky Go, prevede un'abbonamento diretto al servizio Google Fiber (il quale è presento solo in alcuni paesi).

Ingress

Google è presente anche nel mondo dei giochi android con Ingress. Questa app è molto più che un gioco. Il team di sviluppatori NianticLabs ha infatti messo a punto una vera e propria esperienza di realtà aumentata. Un'idea davvero rivoluzionaria che permette di "giocare" con il mondo circostante. In questi ultimi giorni, gli stessi sviluppatori stanno lanciando EndGame una piattaforma molto simile ad Ingress.

My track

Una app poco utilizzata ma davvero potente che permette di monitorare e gestire ogni propria azione di fitness e salute. Sarà possibile iniziare a registrare le proprie attività e, attivando il GPS, si potrà registrare di tutto: dalle variazione di pendenza ai km, dalle calorie consumate alla gestione del cronometro. 

Google notizie e meteo

Una app che non riesce ad avere successo. È una sorta di fusione tra il vecchio Google Current e l'interfaccia i Google (ne parleremo nei flop). L'interfaccia è ancora tra Kitkat e Android L, bella la transazione che  espande la news. Il meteo compare nel widget dedicato assieme alle news più rilevanti. Non siamo all'altezza degli standard di Google.

Google Current

L'app di Google Current non ha mai avuto grande successo e attualmente l'app viene sfruttata solo per suggerire l'installazione di Play edicola.

Queste sono tutte le app Google e voi, le conoscevate già tutte?
 
Read 3272 times
Go to top