Ubuntu Phone è realtà grazie all'azienda spagnola BQ

Ubuntu touch Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition Ubuntu touch Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition Credits by italiasmartphonereview.it - Giovanni
La notizia era nell'aria e, finalmente, sta arrivando anche in Italia: ecco il primo Ubuntu phone.

Il nome completo del primo smartphone Ubuntu phone è Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition ed è una versione a se stante rispetto al suo omonimo con android a bordo. L'azienda spagnola BQ ha, infatti, deciso di rilasciare una versione in collaborazione con Canonical (il team di sviluppo di Ubuntu).
Per capire meglio di cosa stiamo parlando, ecco alcune brevi informazioni su Ubuntu (e Canonical).

Cenni storici di Ubuntu 

Ubuntu nasce nel 2004 e prende il nome dall'etnia zulu sudafricana con il significato di aggregazione e coscienza comune (condivisione mondiale). Il nome non è casuale, il leader di Canonical, la società che gestisce il progetto Ubuntu, è di origine sudafricana. Stiamo parlando di  Mark Shuttleworth, famoso imprenditore sudafricano, che gestisce i profitti di Canonical ltd riversandoli sul progetto Ubuntu.

Le tappe fondamentali della storia di Ubuntu sono: la creazione della fondazione Ubuntu nel luglio del 2005 e la creazione dei primi software per PC (con interfaccia grafica Unity) nel 2011. Nel 2012 è stato presentato al CES, il primo smart TV con Ubuntu a bordo (uscirà nel 2012). Infine, nel gennaio del 2012 venne rilasciato Ubuntu touch, sistema operativo dedicato agli smartphone.
Ora, nel 2015, nasce il primo smartphone nativamente progettato con Ubuntu touch.

Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition: tutte le caratteristiche tecniche

Questo nuovo modello non presenta grandi innovazioni a livello hardsoftware, la sua particolarità risiede nel software, appunto Ubuntu Touch.

Lo smartphone, nasce dalla collaborazione della spagnola BQ (azienda produttrice smartphone, tablet, lettori elettronici e stampanti 3D).
Le specifiche hardware, come detto, non lasciano sicuramente a bocca aperta:

- Display da 4.5 pollici;
- Fotocamera da 8 megapixel (con dual flah e autofocus) e 5 megapixel per quella frontale;
- Memoria interna da 8 GB (espandibile);
- 1 GB di RAM;
- Batteria da 2150 mAh;
Prezzo: 169 dollari (stesso prezzo anche in Europa).
Niente di eccezionale ma un buon rapporto qualità prezzo.

Ecco la grande novità: Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition è il primo smartphone al mondo con Ubuntu Touch nativo a bordo.

Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition: software

La forza di Ubuntu, sta nella totale apertura agli sviluppatori e alla totale compatibilità a linguaggi diversi. Ubuntu si basa sul kernel linux (come android) ma non sviluppa le sue app con Java bensì con QML. La natura open di questo sistema operativo permette un completo supporto ad applicazioni in HTML5 (linguaggio conosciutissimo e cross-devices).

Ubuntu Touch, inoltre, sa di novità agli sviluppatori, stanchi del meccanismo di imitazione reciproca dei principali OS (come iOS e Android). Infatti prevede caratteristiche sconosciute ad android, Windows e iOS

Gli "scope" di Ubuntu Touch

Gli "scope" sono dei pannelli gestibili in maniera molto flessibile che ci restituiranno nella home tutte le informazioni a noi care (meteo, calendario, alba e tramonto).

 

Questi appena elencati, sono solo alcuni degli "scope" disponibili: in ambito musicale per esempio potremo flaggare le fonti della nostra musica (Lo stesso vale per altri scopi - per esempio, l'ambito musicale include fonti come youtube, 7digital, Grooveshark, SoundCloud, Songkick e così via).

Insomma già le "scopes" danno una ventata di freschezza a Ubuntu touch ma non finisce qui.

Niente pulsanti fisici su Ubuntu Touch: ecco i bordi magici

L'altra grande novità, è la totale compenetrazione con lo schermo, frutto dell'assenza dei tasti fisici (o hardware). Così facendo, Ubuntu sfrutta tutto lo schermo e, nello specifico, tutti i lati del display. Gli angoli magici di Ubuntu, ci daranno gli effetti che avremmo ottenuto con i tasti fisici (e non solo). Infatti, questi bordi magici di Ubuntu non si limitano a gestire il ritorno alla schermata precedente o alla home ma sono utilissimi per la navigazione web, la commutazione dei testi e tutte le operazioni basilari di uno smartphone.

 

Nello specifico, se effettuerò uno swipe a destra dello smartphone Ubuntu effettuerò operazioni base sulle app (spostandole  o aprendole mediante una comoda e simpatica animazione a fisarmonica) con lo swipe a destra aprirò il multi-asking delle app in background.

 

Gli altri due swipe sono pressochè inediti: uno swipe dal basso verso l'alto ci permetterà di gestire le impostazioni (generali o specifiche dell'app aperta), mentre uno swipe nella parte superiore dello schermo (verso il basso) ci permetterà, invece, di aprire la status bar (un pò come android ma, fidatevi, è molto diversa).

 

Il design è minimal ma curato, con predilezione  per le linee morbide e curve.

Le applicazioni di Ubuntu Touch

E', forse, questa la pecca di Ubuntu Touch: le applicazioni di Ubuntu sono reperibili nell'Ubuntu store (ancora parecchio acerbo) ma sono divise in due grandi famiglie:

- Le applicazioni web: come Facebook, Google Plus e tutti i servizi di google (in pratica si tratta di vere e proprie web veiw), il risultato potrebbe essere tradotto in android su app come facebook lite;
- Le applicazioni native Ubuntu: più gradevoli a livello stilistico;

Alcune app di utilizzo comune, inoltre, non possono essere installate: Whatsapp, Instagram e Skype. Per Whatsapp c'è un'alternativa convincente che è Telegraf per gli altri due non c'è soluzione stabile.

Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition: pecche e lag

Il primo aspetto negativo di questo Ubuntu Phone, è la presenza di 2 cm sotto al display in apparenza inspiegabili. Il mistero si risolve dicendo che questo smartphone è, a livello di design, identico alla versione  nata per supportare android che presenta il tasto indietro, mentre Ubuntu no. 
Anche la fotocamera, teoricamente buona (8 megapixel e 5 megapixel), restituisce foto non perfette frutto di uno sviluppo software non adeguato alle specifiche tecniche.

 

Lo smartphone è da ora disponibile anche in europa al costo di 170 euro a questo indirizzo http://www.bq.com/es/ubuntu.htmlhttp://www.bq.com/es/ubuntu.html. Ottima anche il supporto agli accessori di Aquaris E 4.5 Ubuntu Edition che sono già disponibili (come le cover che godono di molte colorazioni disponibili).

Ecco un breve video dimostrativo di Ubuntu Touch su Aquaris E 4.5:



Read 1300 times
Go to top