Darpa urban challenge

Stanford Racing Stanford Racing Darpa

Costruire un veicolo autonomo in grado di guidare nel traffico, eseguire manovre complesse, come girare, superare, parcheggiare, affrontare incroci e semafori.

Questo evento è stato davvero innovativo poiché per la prima volta veicoli autonomi hanno interagito, in un ambiente urbano, con il traffico veicolare con e senza equipaggio.

Un veicolo terrestre autonomo è un veicolo che si muove senza conducente umano e senza telecomando, attraverso l'uso di vari sensori e sistemi di posizionamento, il veicolo determina tutte le caratteristiche del suo ambiente necessarie per consentire di svolgere il compito che è stato assegnato, come raggiungere una destinazione.

Le auto robot sono state sviluppate nell’ambito di una competizione che le ha viste cimentarsi in manovre di guida, dalle più semplici alle più complesse (DARPA ha trasformato le strade della ex George AFB in in oltre quattro chilometri di percorsi di prova e di barriere di protezione k-rail):

 

  • immettersi in una strada a doppio senso trafficata
  • manovrare delicatamente attraverso una serie di auto parcheggiate e ostacoli stradali
  • trovare un posto auto assegnato tra le auto in sosta adiacenti, per poi ripartire e procedere al target.
  • affrontare una serie di incroci a quattro vie con semafori: i robot hanno dovuto riconoscere gli altri veicoli, determinare l'ordine di precedenza e quindi procedere in modo sicuro attraverso l'incrocio al proprio turno.
  • riconoscere il blocco stradale, eseguire un'inversione a U e ripianificare dinamicamente un nuovo percorso

Osserva i robot in azione

http://www.youtube.com/watch?v=o_5Rx69JI8U

 

 

Delle 89 squadre iniziali, 35 squadre alle qualifiche e solo 11 in finale.

Per l'evento finale sono state comunicate alle squadre la mappa del territorio due giorni prima, ed una missione specifica soltanto cinque minuti prima, così da creare un esame di guida veramente autonoma. Trenta veicoli con equipaggio (autisti professionisti con sistemi antincendio, radio e sistemi di inseguimento) hanno aumentato la densità del traffico.  

Qualche deviazione inattesa ed un tamponamento, alla fine sei robot hanno tagliato il traguardo ed il vincitore è stato Stanford  "Junior" con un run-time di poco più di quattro ore,  un minuto dopo, "Boss" della Tartan Corsa al secondo posto.

La guida urbana autonoma non è poi cosi lontana e vale la pena dire che c’è sempre qualcosa da migliorare ma la strada è quella giusta!!!!

 

 

 

 

Read 1740 times
Go to top