Mai più memoria insufficiente sugli smartphone android

Spazio di archiviazione smartphone Spazio di archiviazione smartphone Wich?

Tra i problemi più rilevanti che affliggono gli smartphone android troviamo il dispendio eccessivo di batteria e la gestione della memoria, spesso insufficiente, sul dispositivo. In questo post tenteremo di stilare una lista di consigli utili e di piccoli accorgimenti che renderanno il problema meno persistente. Mai più "memoria insufficiente".

Applicazioni pesanti e aggiornamenti

Ormai le applicazioni come Facebook, Google Plus, Chrome e la maggior parte dei giochi per android, sono ben realizzati e graficamente spettacolari ma il loro vero problema sono le dimensioni, davvero molto più pesanti rispetto allo standard. In media i giochi vanno dai 300 megabyte fino a sfiorare un gigabyte, mentre i browser e le applicazioni social come Facebook, raggiungono dimensioni davvero spropositate. Inoltre, i beta tester installano, per molte applicazioni (Facebook, Twitter o app di terze parti), particolari versioni definite appunto "beta", che prevedono dei changelog continui con aggiornamenti praticamente giornalieri.
In pratica sia le apk che gli aggiornamenti (costanti o meno), vanno a rosicchiare spazio di archiviazione.
Questi tipi di applicazioni sono la principale fonte di memoria insufficiente sul dispositivo.
Ma facciamo un pò di chiarezza sulla natura del problema.

Leggi anche la mia guida alle migliori applicazioni per evitare l'errore memoria insufficiente.

Memoria interna, SD card e RAM

Tutti i modelli di smartphone prevedono due componenti standard: la memoria RAM e la memoria interna.

RAM: qualunque smartphone android prevede uno spazio di memoria, definito RAM e che in parte è utilizzata dai processi del sistema android (in media il 10%), e in parte (il restante 90%) dall'installazione di applicazioni, dagli aggiornamenti delle stesse apk e dalla gestione del task-manager.

Memoria interna: è appunto la memoria interna, o fisica, dove vengono installati i dati delle varie applicazioni e dove vengono quindi inserite le cartelle delle applicazioni di terze parti e di tutti i files personali. 

Memoria esterna: discorso a parte va fatto per la memoria esterna. La così detta SD card. Sono delle schede (di diverse dimensioni a seconda del dispositivo) e di diversa capienza (a seconda delle esigenze di spazio). L'SD card, di solito va acquistata separatamente rispetto al dispositivo e ne esistono di diverse dimensioni.
Se le prime due componenti (RAM e memoria interna) sono necessarie per il corretto funzionamento del dispositivo, la memoria esterna può non essere presente come nel caso dei modelli Nexus che non prevedono questo tipo di memoria e tendono ad ottimizzare al massimo l'utilizzo della memoria interna.

Ottimizzare lo spazio: corretto utilizzo delle memorie fisiche e virtuali

Di default il pacchetto di installazione di un'applicazione va autonomamente ad inserirsi nella cartella data/app della memoria interna del dispositivo android. Questo va, ovviamente, ad intaccare i vari gigabyte di cui dispone lo smartphone android (di solito i tagli standard sono 16 GB, 32 GB o 64 GB).
Quando le applicazioni, la musica, le foto e i vari file personali avranno consumato in maniera considerevole la memoria interna, lo smartphone risulterà più lento e, spesso, sarà necessario eliminare alcune applicazioni "sacrificabili".

La soluzione più diffusa, nonché la più efficacie per tornare ad avere più spazio nella memoria interna dello smartphone, è di spostare qualora possibile, le applicazioni "mobili" nella memoria esternaEcco come fare a spostare le app nella memoria esterna.

App Mgr III

Questa utile applicazione permette in pochi e semplici passaggi di spostare le applicazioni più gravose dalla memoria interna a quella esterna del dispositivo e viceversa. Le sezioni dell'app sono, infatti, tre:

Movibili: in questa sezione è possibile vedere le applicazioni che possono essere spostate dalla memoria interna (nell'app viene definita memoria telefono) alla memoria esterna. Sarà inoltre possibile ordinare le applicazioni per dimensioni cosi da capire quali app spostare per liberare un quantitativo considerevole di memoria.
Per spostare l'apk da una memoria all'altra basterà cliccare sullo square desiderato e comparirà la sezione dedicata alle informazioni dell'applicazione. Qui sarà presente il pulsante "sposta in scheda SD". Dopo pochi minuti l'apk sarà spostata avendo conseguentemente liberato preziosi megabyte dalla memoria interna.
È necessario fare una precisazione: l'operazione di spostare un'applicazione sulla scheda SD è possibile anche senza App Mgr III ma con essa è facilitata e si ha una panoramica della situazione completa e la possibilità di capire quali applicazioni sono effettivamente "movibili".

Memoria interna: qui sono presenti invece le applicazioni che non possono purtroppo essere mosse dalla memoria interna a quella esterna.
SD (memoria esterna): in questa sezione sono elencate le applicazioni che sono movibi, questa volta, dalla memoria SD alla memoria interna. Le operazioni saranno le stesse ma invertite. Il pulsante è: "sposta nella memoria del dispositivo".
È fondamentale però capire che solo alcune applicazioni possono essere spostate. Se la situazione divenda difficile da gestire è si vuole comunque spostare anche le altre applicazioni, c'è un'arma segreta che necessita però il root del dispositivo.

Link2SD: l'arma segreta per spostare tutte le app

Per utilizzare questa app è importante che lo smartphone sia roottato in quanto senza gli accessi da superuser non sarà possibile spostare tutte le applicazioni ma solo una minoranza. Se si dispone dei permessi di superuser e si ha abbastanza esperienza nel mondo android, grazie a questa applicazione sarà possibile forzare lo spostamento delle app sulla scheda di memoria esterna.

Con Link2SD è possibile spostare, facendo molta attenzione, tutte le app installate sul proprio smartphone. Volendo sarebbe possibile spostare anche le applicazioni di sistema come "telefono", "rubrica", "Gmail" , i servizi Google, e le così dette app inutili installate dal produttore (come "Chaton" ).
È comunque sconsigliabile spostare le app di sistema perché potrebbero non funzionare più correttamente. Dopo vari tentativi posso affermare che lo spostamento di app quali Facebook, Fotocamera, Twitter e Documenti non crea nessun problema.

Per quello che riguarda Google Plus, Play music e anche What'up è meglio creare prima una partizione virtuale della scheda SD con "minipartition Tool" e tramite l'ausilio di un pc Windows, in quanto senza questo ulteriore accorgimento non sarà possibile effettuare lo spostamento.

CONSIGLIO: Se spesso vi si spegne o si riavvia il dispositivo, consiglio vivamente di creare la partizione sulla scheda SD mediante l'apposito tools sopra descritto. Infatti se si spegne (o si riavvia) lo smartphone tutte le applicazioni spostate in precedenza su scheda SD dovranno essere reinstallare.  

IMPORTANTE: quando si sceglie di spostare un'applicazione su scheda SD, si deve far attenzione alla presenza o meno di widget correlati a quella determinata app perché questo non sarà più disponibile. 

Un'altro consiglio è quello di utilizzare dei manager delle cartelle diverse da quella di default. Tra le migliori sono da segnalare Es file explorer o Astro file manager. Con entrambe le soluzioni sarà facile spostare da una memoria all'altra file di ogni tipo fino ad agire direttamente nella root del dispositivo. È inoltre possibile cancellare cartelle vuote o inutili che appesantiscono la memoria interna.

Con questi semplici accorgimenti la memoria interna insufficiente dovrebbe essere solo un ricordo lontano. Persiste però il problema della RAM.

RAM e spazio di archiviazione cosa c'è da sapere

Lo spazio di archiviazione si ingolfa scaricando applicazioni e utilizzandone molte contemporaneamente. Ci sono delle applicazioni che ormai conosciamo bene e che aiutano a liberare spazio, e la più importante è la già recensita clean master, dove tramite l'apposito widget è possibile recuperare spazio utile liberando la cache del dispositivo.

Un trucco meno conosciuto ma che ha un buon impatto di efficacia è invece quello dell'eliminazione del dump.

Pulizia del dump su smartphone Samsung

Utilizzando il tastierino numero standard (applicazione telefono) e digitando il codice *#9900# si accede ad un "menù nascosto" che restituisce i messaggi "delete dumpstate/logcat". Dopo una breve attesa il dump sarà eliminato.
È consigliabile ripetere l'operazione ogni volta che si deve aggiornare un'app o quando la memoria di archiviazione risulta insufficiente (viene segnalata dall'icona triangolare del pericolo con "!" al centro).
Questa operazione meno inflazionata di altre, ripulisce la RAM e rende possibile l'aggiornamento delle applicazioni più pesanti.

ATTENZIONE: la pulizia del dump è purtroppo utilizzabile solo sui modelli di smartphone Samsung.

Con questi semplici accorgimenti e consigli sarà possibile ridare davvero vita al proprio smartphone; va però detto che per quello che riguarda la RAM, qualunque operazione non sarà mai efficace al 100% perché le operazioni di sistema sono comunque necessarie per il corretto funzionamento del sistema android.



Read 93628 times
Go to top