Google revisionerà le app prima di pubblicarle nel Play Store

Revisione delle app sul play store Revisione delle app sul play store Credits by masmovil.es
Una delle differenza più marcate tra le app di Android e quelle di iOS è il controllo preventivo su di esse: mentre le app di iPhone e iPad sono sottoposte a controlli di diversi tipi, quelle di Google non venivano fino ad ora revisionate, e i risultati erano davvero pessimi. Difficilmente si incontrano app di bassa lega nell'App Store cosa che succede spesso nel Play Store. Google ha deciso di porre rimedio a questo problema.

Finalmente, Google ha deciso di revisionare le app prima di pubblicarle nel proprio Store e lo fa in modo davvero completo e rivoluzionario.
Google, infatti, sta assumendo un team di super sviluppatori specializzati nella revisione e modifica delle app in fase di valutazione. Il team potrà decidere se pubblicare o meno la nuova app.

“Questo nuovo processo coinvolge un team di esperti che ha il compito di individuare le violazioni delle nostre politiche di sviluppo preventivamente nel ciclo di vita dell’applicazione. Apprezziamo la rapida innovazione e iterazione, unica per Google Play, e continueremo ad aiutare gli sviluppatori a vedere i propri prodotti sul mercato nel giro di poche ore dopo la presentazione, invece di giorni o settimane. In realtà, non vi è stato alcun cambiamento notevole per gli sviluppatori durante il rollout “

Da quello che trapela dai rumors, le regole che verranno seguite non saranno ferree come nel caso di Apple, ma verrà valutata la "fama" dello sviluppatore. Se questo, in passato, avrà pubblicato materiale in maniera erronea (per esempio utilizzando materiale coperto da copyright) o sarà stato segnalato per diverse ragioni, molto probabilmente la sua app non approderà mai nel Play Store.

Le linee guida che seguirà Google saranno molto simili a programmi di altri settori nei quali Google detiene regole molto precise. E' il caso di Adsense e AdWord. Le regole che dovranno essere applicate, molto probabilmente saranno le stesse inserite nella pagina dedicata alle “Norme del programma di Google Play per gli sviluppatori”.
Alla base della decisione c'è l'intento di salvaguardare il dispositivo dell'utente (cercando di arginare i virus presenti nelle app) e l'esperienza utente generale su android.

Male per gli smanettoni: sarà molto più difficile scaricare app in grado di bypassare le principali app di Google. Scordatevi app per il download di mp3 da YouTube, per esempio.
Il controllo, insomma, sarà si selettivo, ma non troppo. Gli impiegati non pubblicheranno app che minano o la sicurezza dell'utente (in caso di malware) o l'immagine dell'azienda (con un uso scorretto dei servizi di Google).

Una nota positiva c'è: secondo indiscrezioni, Google con questo team di super esperti dividerà anche le nuove app in base alla tipologia di contenuto. Sfruttando i vari gruppi di autoregolazione (ESRB, IARC, PEGI) si suddivideranno le nuove app per fascia di età, così da evitare la fruizione di contenuti non adatti alla fascia di età (per esempio nel caso dei bambini). Un sistema analogo a quello, ormai rodato, dei videogiochi. 

Infine, i tempi di pubblicazione. Anche se verranno introdotti nuovi standard per la sicurezza, i tempi di pubblicazione nel Play Store non dovrebbero variare quasi per niente. Infatti, il tempo impiegato per la revisione sarà all'incirca di 24 ore.

Un bel passo in avanti per Big G ma non si potrà mai paragonare il meccanismo minuzioso e ben oliato di Apple che, ormai da anni, mantiene un altissimo standard di App sempre stabili e rispettose delle regole.
Read 1603 times
Go to top