Dopo la multa Google manderà in pensione Android. Ecco Fuchsia!

Google Fuchsia Google Fuchsia Credits by: Wikipedia
Ne abbiamo parlato poche settimane fa. Google ha subito un duro colpo dall'Antitrust Europea dovendo pagare ben 4.3 miliardi di dollari di multa. Non è un caso che android potrebbe presto andare in pensione a favore di fuchsia. Scopriamo cos'è e perchè Google sta cambiando i suoi piani, pensando concretamente di mandare in pensione il robottino verde a noi tanto caro.

Fuchsia: il nuovo sistema operativo di Google soppianterà Android entro il 2023

Si chiama Fuchsia il nuovo sistema operativo di Google che quasi sicuramente, soppianterà il robottino verde entro e non oltre i 5 anni.
 
Le motivazioni di questa scelta sono davvero tante. La multa super miliardaria  ha solo accellerato un processo in atto da anni. 500 sviluppatori sono già a lavoro per rivoluzionare, di nuovo il mondo della tecnologia. Si della tecnologia e non degli smartphone. Infatti la super multa non è ovviamente la sola ragione di un cambio di strategia così repentino. Il sistema operativo Fuchsia infatti sarà sviluppato sopratutto per interfacciarsi in un ecosistema estremamente più complesso rispetto ad android. Domotica, internet of things, auto, smart cities, insomma Google vuole davvero far entrare Fuchsia in tutti dispositivi che dipendono da internet.
 
Google vuole unificare i propri servizi sotto un unico sistema operativo, Fuchsia appunto. I vari Chrome OS, Android TV e Android Wear si unirebbero e anzi diventerebbero solo una parte di un'ecosistema immensamente più complesso attivato da Fuchsia. Alla base del nuovo sistema operativo di Big G ci saranno sicuramente i comandi vocali e gli aggiornamenti regolari con patch di sicurezza molto più attente alla privacy. 
E' molto probabile, infatti, che Fuchsia debutterà su piattaforme lancio come speaker bluetooth o sistemi di domotica integrata (tipo Google Home). 
Inoltre, un punto di forza di Fuchsia dovrebbe essere la possibilità di swicthare velocemente tra desktop e mobile (probabilmente Google vorrà finalmente mettere piede nel mercato dei pc con risultati più importanti rispetto agli incompiuti Chromebook os) .
A livello tecnico trapelano le prime interessanti indiscrezioni che vedrebbero Fuchsia non più legato al Kernel Linux ma a una nuova versione definita Zircon così da potersi staccare di fatto da Java. Il problema strategico di questa scelta sta ovviamente nel fatto che a questo punto tra cinque anni Android non sarà compatibile con Fuchsia e, quindi, lentamente scomparirà dai nostri dispositivi.
Da un pò di tempo a questo link è possibile anche vedere una demo di Fuchsia ma questa è ovviamente molto lontana anche solo ad una versione alpha.
 
 
 
Read 235 times
Go to top